martedì 26 agosto 2014

Grissini torinesi




Se potessi incontrare l'uomo che ha inventato i grissini gli stringerei la mano: trovo che siano qualcosa di cui noi piemontesi dovremmo andar fieri. Croccanti, friabili, leggeri, rientrano con piena dignità in quella categoria di cibi “che uno tra l'altro” e non smetteresti mai di sgranocchiarli. Ma purtroppo, anche in terra sabauda, non sempre è così facile acquistare dei grissini davvero buoni: talvolta troppo unti, talaltra con un sospetto retrogusto di strutto, o peggio stantii. E poi, anche sui grissini, ognuno ha le sue preferenze, e trovare quelli che mettono d'accordo tutti è impresa ardua.
Conservo un ricordo molto vivido dei grissini che compravano sempre i miei nonni materni. Da piccole, ogni volta che andavamo a trovarli a Torino, mia sorella ed io aspettavamo che arrivasse il momento del sonnellino pomeridiano per sgattaiolare furtivamente in cucina, infilare le mani nel sacchetto di carta bianca ed afferrare un paio di quei bastoncini lunghissimi e dorati, ruvidi in superficie. Poi correvamo sotto il tavolo del salotto a sgranocchiare tranquillamente il nostro bottino. 
Era da un bel po' che volevo provare a prepararli da me, a dire il vero più per il gusto dell'esperimento che per “necessità”, dato che la panetteria da cui mi rifornisco abitualmente ne sforna di ottimi.
Come prima prova posso dirmi pienamente soddisfatta. Sono semplici e divertenti da fare ma hanno un difetto: spariscono in men che non si dica!


Grissini torinesi

Ingredienti:

300 g di farina 00
180 ml circa di acqua tiepida
6 g di lievito di birra
20 ml di olio extravergine d'oliva
4 g di malto d'orzo (o miele)
5 g di sale
semola rimacinata di grano duro q.b.

Sciogliere il lievito ed il malto in una parte dell'acqua tiepida e lasciar riposare una decina di minuti.
Impastare la farina aggiungendo il miscuglio di lievito e l'acqua restante, unendone poca per volta (il quantitativo potrebbe variare a seconda del grado di assorbenza della farina e dell'umidità); incorporare l'olio e per ultimo il sale. Lavorare l'impasto per alcuni minuti fino ad ottenere un panetto morbido ma consistente.
Stendere l'impasto sulla spianatoia infarinata ad uno spessore di circa mezzo centimetro, ottenendo un rettangolo il cui lato più corto abbia una lunghezza di 10 cm circa. Dividere il rettangolo a metà (per praticità) e trasferire le due strisce su un vassoio leggermente oliato, distanziandole fra loro; pennellare la superficie con altro olio, coprire con un foglio di pellicola e lasciare lievitare in luogo tiepido per circa un'ora.
Con un raschietto o un coltello a lama liscia tagliare dal lato corto dei bastoncini di poco più di un dito di larghezza, sollevarli delicatamente ed allungarli con le mani tirando leggermente le estremità.
Passare i grissini così ottenuti nella semola e trasferirli su una o più teglie rivestite di carta da forno.
Lasciare lievitare nuovamente per circa 40 minuti e quindi cuocerli in forno caldo a 200-220° per circa 15 minuti.




52 commenti:

  1. Giulia io adoro i grissini, e i tuoi sono super!!! Di solito li faccio con il lievito madre, ma devo provare questa ricetta, sono perfetti!! Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che con il lievito madre siano imbattibili, ma se ti va di provare questi poi aspetto un tuo parere!

      Elimina
  2. Buoni, buonissimi direi e facilissimi da fare !!!
    Grazie per aver condiviso questa ricetta da rifare subito^__^
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, il bello è che sono semplici e divertenti da fare!

      Elimina
  3. Ciao Giulia,come vedi ricambio subito la visita e mi sono iscritta ai tuoi lettori.........questi grissinio sono bellissimi a vederli e penso che siano anche buonissimi a mangiarli!
    Ora mi faccio un giretto tra le tue ricette,a presto cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniela, e buon giretto!

      Elimina
  4. adoro i grissini, hai ragione finiscono subito!!!!Anch'io oggi ho pronto il post sui grissini, lo metto oggi pomeriggio, voglio confrontarli!!!!Bella l'idea di dividere l'impasto a meta', si fatica di meno , lo provero' la prossima volta!!!! Ti sono venuti benissimo!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Allora più tardi passo a vedere la tua versione.

      Elimina
  5. Giulietta sono usciti una meraviglia.. e concordo con te: stringerei la mano anche io all'inventore del grissino. Non c'è nulla di più sfizioso e stuzzicante quando hai voglia di qualcosa che ti soddisfi e ti appaghi, che ti dia la sensazione di 'morsetto rubato'!! :D Complimenti cara. Smuacck!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely. Io i grissini li sgranocchierei a qualunque ora del giorno!
      Un bacio

      Elimina
  6. Bravissima Giulia, sono una delizia!!!!

    RispondiElimina
  7. Come non capirti..questi a casa mia hanno sempre vita troppo breve U.U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, spariscono in un attimo!
      Buona giornata

      Elimina
  8. I grissini mi ricordano la mia colazione da piccola insieme alla nonna, latte grissini e zucchero :)
    bellissimi i tuoi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io da piccola mi divertivo ad usarli come cannucce per bere il latte o il té. :)

      Elimina
  9. Una tavola con dei grissini fatti in casa mette allegria, quella cura nel tagliarli, nel farli si trasmette .... Anche con me avrebbero vita breve ! ciao e complimenti !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rossella. Hai ragione: è bello portare in tavola e condividere qualcosa di fatto da noi.
      A presto

      Elimina
  10. Amo i grissini e tutte quelle preparazioni che, pur essendo degli accompagnamenti, diventano un elemento immancabile in tavola.
    Sono davvero belli, appena ho tempo devo assolutamente provarli!

    RispondiElimina
  11. ma sai che io non ho mai fatto i grissini! i tuoi sono talmente belli che mi è venuta voglia di provarli subito :D Ciao e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho aspettato tanto prima di provare a farli, anche perché prima avevo un vecchio forno a gas che faceva pena. Invece non sono affatto difficili da preparare ed è divertente stirarli a mano.
      Buona giornata

      Elimina
  12. ...io stringerei la mano a te, sei stata bravissima... sono molto belli e invitanti....
    Bello ritornare a leggerti, bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michela, sei troppo gentile!
      Un abbraccio

      Elimina
  13. i miei complimenti, questi sono un capolavoro di grissini...brava brava brava!

    RispondiElimina
  14. faccio il pane da decenni (ebbene si) ma i grissini mai fatti! eppure mi piacciono un sacco ! i tuoi sono perfetti ! davvero complimenti! a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà perché, anche io ho aspettato tanto prima di provare a farli, eppure non è affatto difficile ed il risultato dà grandi soddisfazioni. Se fai il pane da decenni per te sarà un gioco da ragazzi!
      Buona serata

      Elimina
  15. Ciao Giulia, i grissini sono davvero stuzzichini deliziosi! Dopo aver provato tante versioni, da appassionata di lievitati mi ispira molto anche la tua.
    Grazie per la ricetta, mi unisco ai tuoi lettori, sarà un piacere seguirti!
    Buona giornata, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Seddy!
      Allora, una "veterana" della preparazione dei grissini come te, saprà darmi un giudizio spassionato!
      A presto e grazie della visita

      Elimina
  16. a me, invece, ha convinto il lievito di birra. sono terrorizzata dal resto, però... ma ho la tua stessa passione per i grissini e a genova, purtroppo, non sono tanti i forni che li sanno preparare. cosa dici, mi butto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra che la tua bravura in cucina parli da sé e non abbia bisogno di incoraggiamento alcuno...comunque ti assicuro che sono semplicissimi da preparare ed il rischio di fallimento è minimo!
      Buona giornata

      Elimina
  17. I grissini più buoni della mia vita lo ho mangiati a Biella....un forno speciale che ne fa di buonissimi. Creano dipendenza.
    Bravissima come sempre... :)
    Un abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel paese dove abito ho la fortuna di trovare ottimo pane e nella panetteria dove vado sempre fanno anche degli stupendi grissini integrali e pieni di semini. La prossima volta voglio provare a replicarli...
      Buon weekend

      Elimina
  18. Meravigliose foto e ricetta!! Tra l'altro anche molto sana :-) Bravissima!
    Ciao, un abbraccio e a presto
    Federica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      E' vero che sono sani, ma uno tira l'altro e non smetteresti mai di mangiarne

      Elimina
  19. Proprio ieri dicevo che ho fatto un giro in rete e son rimasta incredula di fronte alle sciocchezze che si leggono in giro sui grissini, soprattutto una gran confusione tra grissini stirati e rubatà... Ecco questo tuo post mi fa respirare aria fresca :) Sono stupendi e vien proprio voglia di rosicchiarli da cima a fondo :)

    RispondiElimina
  20. Che buoni, io questi li preparo al volo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi fammi sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  21. Sai che è da un po' che voglio fare i grissini?? Proverò con la tua ricetta!! Bacioni!

    RispondiElimina
  22. Sì, concordo decisamente cara Giulia! I "nostri" grissini sono qualcosa di davvero appagante. proverò sicuramente la tua ricetta!
    :*

    RispondiElimina
  23. chapeau, che grissini grazie per averci fatto vedere tutti i passaggi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la visita, Carmine!

      Elimina
  24. Concordo... Meravigliosa invenzione i grissini! I tuoi son venuti benissimo, una ricetta da provare! :)

    RispondiElimina
  25. Ottimo risultato! Io ho provato a prepararli con lo lievito madre, ma i tuoi sono molto più carini :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, penso che con il lievito madre siano eccezionali!

      Elimina
  26. mi sembrano ottimi e perfetti! Grande Giulia! Un bacioneeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale, sei gentilissima!

      Elimina

Grazie per essere passati di qui. Sarò felice se vorrete lasciare una vostra impressione, un commento o una critica.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...