venerdì 6 febbraio 2015

Pasticciotti leccesi


Pasticciotti-leccesi-crema-e-amarena

Amo viaggiare e la scoperta di tradizioni gastronomiche diverse dalla mia è uno degli aspetti imprescindibili di questa passione. Per la stessa ragione mi capita spesso di cucinare piatti tipici di altre regioni o paesi, talvolta per soddisfare la voglia di riassaggiare a distanza di tempo pietanze che mi hanno colpita, ma ancor più spesso per provare sapori nuovi che conosco solo di nome e che le mie papille si immaginano, ma che non ho mai avuto la fortuna di provare. 
I pasticciotti leccesi rientrano nella seconda di queste categorie: pur avendone ben chiari gli ingredienti e la “sostanza”, non ne ho mai assaggiato uno. Ebbene sì, sembrerà incredibile ma non sono mai stata in Puglia! In attesa di colmare al più presto questa lacuna, ho messo le mani in pasta e mi sono lasciata trasportare dal profumo di questi deliziosi dolcetti. Avevo un paio di ricette, molto simili tra loro, ma alla fine ho deciso di affidarmi a Tamara, di cui ho seguito le puntuali indicazioni, ivi compreso l’imperativo categorico di gustare i pasticciotti ancora caldi, con l’involucro che si sbriciola tra le dita. Una goduria!
La peculiarità dei pasticciotti risiede proprio nella frolla, che va rigorosamente impastata con lo strutto. Qui in Piemonte, dove il burro regna sovrano, è un grasso poco utilizzato, tanto che anche reperirlo in commercio non è sempre cosa facile. Io stessa lo uso raramente in cucina – ad esempio quando preparo le piadine –  ma è innegabile che la friabilità e la fragranza di una frolla a base di strutto sia incomparabile rispetto ad un impasto a base di burro. L’unico aspetto che vi invito a tenere in considerazione è che, per ovvie ragioni, si tratta di dolci non adatti da offrire agli amici vegetariani.
Rispetto alla ricetta originale mi sono concessa un’unica licenza, che riguarda gli stampini nei quali ho cotto i miei pasticciotti: non essendo riuscita a procurarmi le tradizionali formine ovali, ho utilizzato dei comuni stampini tondi. Tamara, spero che potrai perdonarmi!

Pasticciotto-leccese-crema-e-amarena

Pasticciotto-leccese-crema-e-amarena

Pasticciotti-leccesi-crema-e-amarena



Pasticciotti leccesi

Ingredienti per una decina di pasticciotti (lo stampino tipico è ovale, in alluminio, 6x10 cm):

per la frolla
250 g di farina 00
110 g di zucchero semolato
110 g di strutto
1 uovo
½ cucchiaino di lievito in polvere per dolci
1 pizzico di sale
la scorza grattugiata di mezzo limone non trattato

per la crema pasticcera
3 tuorli
350 ml di latte fresco intero
85 g di zucchero semolato
30 g di farina o maizena
3 strisce di scorza di limone

per completare
amarene sciroppate
1 albume leggermente sbattuto

Preparare la frolla sabbiando la farina setacciata con il lievito e lo strutto; aggiungere lo zucchero, la scorza di limone e l’uovo ed impastare velocemente. Formare una palla, avvolgerla in un foglio di pellicola e lasciarla riposare in frigo per almeno un’ora.
Nel frattempo preparare la crema pasticcera. Mettere a scaldare il latte in un pentolino con la scorza di limone. In una bastardella sbattere i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina setacciata e mescolare bene in modo da eliminare gli eventuali grumi. Quando il latte sta per sfiorare l’ebollizione, eliminare le scorze e versarlo lentamente nella montata di tuorli e zucchero. Cuocere a fiamma bassa, sempre mescolando, fino a quando la crema si addensa.
Travasare la crema in una ciotola e raffreddarla rapidamente immergendo quest’ultima in acqua e ghiaccio; coprire con pellicola a contatto e tenere da parte.
Riprendere la frolla dal frigo, imburrare gli stampini e rivestirli con uno strato d’impasto dello spessore di circa 3 mm. Bucherellare il fondo, versarvi la crema raffreddata e completare con le amarene sciroppate. Stendere la frolla restante ad uno spessore di un paio di millimetri e ricavarvi degli ovali o dei dischetti con cui ricoprire gli stampini, premendo con le dita per fare aderire la pasta ed eliminando quella in eccesso. Praticare qualche buchino con uno stuzzicadenti ed infine spennellare i pasticciotti con l’albume.
Cuocere in forno statico a 180° per circa 25 minuti e servire appena sfornati.

Pasticciotti-leccesi-crema-e-amarena



32 commenti:

  1. L' amarena sembra un cuore . . . sono bellissimi!!
    Non li ho mai assaggiati, ma direi che sono squisiti!!
    Buona giornata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia! Ti assicuro che il cuore di amarena non era voluto, ma è spuntato fuori così quando ho tagliato il pasticciotto. Però si accordava bene con l'ambientazione un po' romantica delle foto e così ho pensato di farlo risaltare.
      Buon weekend!

      Elimina
  2. Giulia ma che bellissima sorpresa!!!! Zitta zitta non mi hai detto niente!!
    Sono stupendi i tuoi pasticciotti, altro che perdonata, sei promossa a pienissimi voti con lode!
    Anche la forma mi piace tantissimo, un piccolo cilindro non svasato e che contiene tanta tanta crema!! E che dire del cuore di amarena?
    Felice! Stamattina mi hai fatta proprio felice!!!!
    E prima ancora di scrivere qui, li ho messi in prima fila nella pagina più bella del nostro blog, quella dedicata a chi cucina le nostre ricette!
    Grazie di cuore cara!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Tamara, sono contenta di aver superato l'esame!
      La tua ricetta era perfetta! Grazie anche per avermi inserita nella pagine delle ricette rifatte dai vostri lettori: ne sono onorata.
      Un caro abbraccio e buon weekend

      Elimina
  3. Che belli i pasticciotti!! Sai che anche noi non li abbiamo mai assaggiati? Sono super invitanti con questa sorpresa di amarena nel cuore :)
    Buon weekend, un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, mi rincuora sapere di non essere l'unica a non aver mai assaggiato queste piccole delizie nella loro terra natale!
      Buon weekend!

      Elimina
  4. Avevo bisogno di tornare con la mente all'estate, alla Puglia, a quel sole che oggi non c'è... ottimo tempismo venire qui oggi, mi hai regalato un bel momento! :-) E il cuore di amarene batte forte, lo sento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello sapere di aver seguito la direzione dei tuoi pensieri, involontariamente, ed aver assecondato la tua voglia di Puglia.
      Il cuore di amarena l'ho scoperto solo al momento del taglio e mi piaceva lasciarlo in bella vista a mo' di dedica per i miei lettori.
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Molto deliziosi questi pasticciotti dal cuore tenero !

    RispondiElimina
  6. Li devo fare!!!! i pasticciotti di Tam...che bellissima interpretazione Giulia.
    a pure l'amarena a forma di cuore ti è venuta fuori!!! ♥
    :-)
    grazie per averli proposti, mi hai ricordato che li ho in lista d'attesa da troppo tempo...
    ciao, e buonissimo weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricette in lista d'attesa, dici? Con me sfondi una porta aperta! Infatti ci ho messo qualche mesetto prima di riuscire finalmente a fare questi pasticciotti, che sono rimasti lì in attesa pazienti del loro turno. E credo proprio che dovrò rifarli presto perché sono deliziosi!
      Buon weekend

      Elimina
  7. sono bellissimi, chissa' che buoni!!!!Anche a me piace spaziare in cucina e provare piatti tipici di altre regioni, hai fatto bene!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  8. Che buoni i pasticciotti, li ho mangiati una sola volta e me ne sono innamorata. i tuoi sono bellissimi e quel cuore di amarena li rende pure romantici . Complimenti Giulia cara
    Un bacio e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lisa. Io invece aspetto l'occasione di assaggiarli sul posto, spero molto presto.
      Buona domenica

      Elimina
  9. Li conosco benissimo, ne ho degustati tanti nei miei viaggi in Salento. Li ho anche provati a fare in casa. Ottimi.
    Ti sono venuti benissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fra. Non vedo l'ora di visitare il Salento e poter assaggiare gli originali!
      Un abbraccio

      Elimina
  10. Sai che li ho sempre sentiti ma mai assaggiati...e sì che mio marito è pugliese!!!! :-) sarà quello strutto nella frolla che mi fa un po' desistere...ma secondo te se la frolla viene fatta normalmente...non ha niente a che vedere vero??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara. Guarda, da quel che so la frolla del pasticciotto andrebbe rigorosamente fatta con lo strutto. Detto questo, credo che tu possa provarla anche con il burro: non saranno la stessa cosa ma non ho dubbi che sarebbero comunque ottimi.
      Se provi fammi sapere.
      Buona domenica

      Elimina
  11. Non li ho mai assaggiati ma il loro aspetto è troppo invitante :-) Complimenti Giulia e felice we <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora devi rimediare!
      Un abbraccio

      Elimina
  12. Hanno un aspetto così goloso con quel delizioso ripieno, complimenti Giulia, sono perfetti!!!
    Buona serata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, sei troppo gentile!

      Elimina
  13. li ho mangiati una sola volta nella vita e me ne innamorai! li ho ricercati poi senza mai trovare quelli perfetti e quel sapore delizioso che avevo scoperto. Ora grazie a te e alla tua ricetta sono certa di poter di nuovo trovare quella serenità e quel piacere di quel boccone, dolce e scioglievole! Grazie di cuore!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena. Chissà se quel sapore che stai cercando si nasconde proprio in questi pasticciotti? Io spero tanto di sì ed attendo un tuo parere.
      Un abbraccio e buona domenica

      Elimina
  14. Ciao Giulia, complimenti per il tuo bel blog! I pasticciotti non li ho mai provati neanche io pur avendone sentito parlare, e in Puglia ci sono anche stata! Le tue foto fanno proprio gola :-) A presto!

    Jessica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jessica. Grazie mille per la visita!
      La prossima volta che torni in Puglia non lasciarteli scappare: sono deliziosi!
      A presto

      Elimina
  15. Ciao Giulia, e come ti capisco, io sono una curiosona e devo assaggiare e poi rifare tutto ciò che trovo di nuovo quando viaggio. Questi pasticciotti sono una meraviglia, tutta quella crema e la sorpresina al centro....fantastici. Un abbraccio e buon week end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Angela!
      un abbraccio e buon weekend

      Elimina
  16. Ecco, noi siamo vegetariane (pescetariane, in realtà...) e lo strutto non lo mangiamo, ma queste tortine devono essere deliziose! Dici che con i burro perdono molto? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ragazze! Come dicevo sopra, credo che con il burro la friabilità ed il gusto non saranno propriamente gli stessi, ma non ho dubbi che il risultato sia comunque molto buono. Se provate aspetto di sapere come è andata!
      Buona giornata

      Elimina

Grazie per essere passati di qui. Sarò felice se vorrete lasciare una vostra impressione, un commento o una critica.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...