martedì 3 marzo 2015

Torta di grano saraceno con confettura di mirtilli rossi


Torta-di-grano-saraceno-con-confettura-di-mirtilli-rossi

Marzo. 
Giornate più lunghe, primi tepori e la natura che finalmente si risveglia. 
Già da qualche giorno aspetto impaziente l’arrivo delle primavera, al punto da ignorare la coltre di neve non ancora sciolta dal sole che punteggia di bianco i prati qui intorno, immaginandomi intenta a cogliere primule e violette ed a passeggiare in cerca delle prime erbe spontanee. 
Ma mentre il cuore fantastica di paesaggi bucolici, tenere primizie e manicaretti freschi e colorati, la mente e lo sguardo mi riportano bruscamente alla cruda realtà: l’inverno non è ancora finito, almeno qui, e tanto vale farsene una ragione, approfittando magari di ciò che la stagione ha ancora da offrirci.
Così ho fatto, ed ho finalmente preparato la torta di grano saraceno, dolce tipico altoatesino che da tempo avevo voglia di riprodurre a casa. Mi rendo conto che la ricetta sarebbe stata più consona ad una grigia giornata novembrina – ed in effetti è più o meno da allora che ce l’ho in mente – ma riesco a proporvela soltanto oggi, dopo che la strenua ricerca della confettura di mirtilli rossi ha finalmente dato i suoi frutti. A mia discolpa posso però assicurarvi che l’attesa valeva decisamente la pena!
La versione più diffusa e quotata della torta di grano saraceno è quella di Anneliese Kompatscher, tratta dal suo La cucina nelle Dolomiti, che si differenzia di poco dalla quella che vi propongo e che prima o poi sicuramente proverò. Questa volta ho però deciso di seguire la ricetta di Sabina, che al posto delle mandorle prevede le nocciole, le quali, secondo il mio gusto personale, si sposano ancora meglio col sapore intenso della farina di grano saraceno. 
Poiché si tratta di un dolce molto ricco, ho deciso di dimezzare le dosi sotto indicate e l’ho cotto in uno stampo più piccolo (20 cm), ottenendo una torta bella alta e sufficiente tranquillamente per 6 persone. Il consiglio che mi sento di dare è di non omettere però la panna montata di accompagnamento: completa il dolce in maniera superba e lo rende davvero perfetto.
Ah, quasi dimenticavo: la torta è adatta ai celiaci poiché non contiene glutine. Se la servite ad ospiti intolleranti ricordatevi però di usare la farina di grano saraceno o altre farine naturalmente prive di glutine anche per infarinare la tortiera.

Torta altoatesina di grano saraceno con confettura di mirtilli rossi

Torta altoatesina di grano saraceno con confettura di mirtilli rossi


Torta di grano saraceno con confettura di mirtilli rossi 

Ingredienti per uno stampo a cerniera da 26 cm (per una torta più piccola, dimezzare le dosi indicate e cuocere il dolce in uno stampo da 20 cm):

200 g di farina di grano saraceno
200 g di nocciole finemente tritate
200 g di zucchero semolato
200 g di burro morbido
6 uova
2 mele grattugiate grossolanamente (per me renette)
1 bustina di lievito in polvere
1 presa di scorza di limone grattugiata

1 vasetto di confettura di mirtilli rossi (io l’ho trovata da Ikea, dove è venduta con il nome di Sylt Lingon)
zucchero a velo
panna montata leggermente zuccherata per guarnire (facoltativa)

In una ciotola capiente e con il robot da cucina lavorare a crema il burro ammorbidito con 100 g di zucchero; introdurre i tuorli e poi la farina di grano saraceno, le nocciole finemente tritate, le mele grattugiate, il lievito in polvere e la scorza di limone. Incorporare quindi le chiare montate a neve con i rimanenti 100 g di zucchero.
Versare la massa in uno stampo apribile precedentemente imburrato ed infarinato e cuocere in forno caldo a 180° per 45-50 minuti (35-40 se avete dimezzato le dosi). Per verificarne la cottura fare la prova stecchino.
Far raffreddare completamente la torta, tagliarla a metà e farcirla con la confettura di mirtilli rossi. Cospargere con zucchero a velo e servire accompagnando con panna montata.

Torta altoatesina di grano saraceno con confettura di mirtilli rossi



44 commenti:

  1. Questa torta la mangio sempre in alto adige, è una vera delizia !!!!! E quella fetta su quel bel piattino l'afferrerei al volo.
    Un abbraccio giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se l'hai assaggiata allora sai bene quanto è buona. Te ne offro volentieri una fetta!
      Un abbraccio e buona giornata

      Elimina
  2. Ciao Giulia, anche tu come me aspetti la primavera con la sola voglia di uscire dall'inverno che sembra sempre interminabile...
    Mi ritrovo infatti nelle tue parole ed anche nell'illusione che comunque, il freddo non ancora ci ha lasciate e nella voglia di coccolarci ancora con torte come la tua, adatte a questi periodi di confine.
    Una sola volta ho preparato la torta con grano saraceno e l'ho amata tanto. La tua però è decisamente più attraente e più buona con le mele e le nocciole ! Ricetta meravigliosa, complimenti :)
    Aspettando la primavera, un saluto con l'augurio di buona giornata, Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia. Io sto davvero scalpitando per l'arrivo della primavera, ma siccome abito in montagna dovrò pazientare ancora un po'. nell'attesa, mi consolo con questo dolce, che ti consiglio di provare perché è davvero delizioso.
      Buona giornata e un caro abbraccio

      Elimina
  3. mai preparato un dolce con questa farina, ma la tua fetta mi invoglia tantissimo per cui copio ricetta e rimedierò al più presto alla mancanza!
    buona giornata
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice. Ti consiglio davvero di provarla (anche dimezzando le dosi, se preferisci): io ne sono stata conquistata!
      Buon pomeriggio e a presto

      Elimina
  4. Tutto 200,come dimenticare...Sai Giulia è da tempo che ho voglia di provarla e ti garantisco che nonostante le giornate siano ormai più tiepide,questa torta ci sta d'incanto...forse anche sotto l'ombrelloone ci starebbe divinamente!
    E' bellissima e ti è venuta perfetta...copio e rifaccio quanto prima!
    Un bacio cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Damiana. Sì, è una sorta di quattro quarti, perciò molto semplice da preparare ed altrettanto da ricordare.
      Se la provi aspetto un tuo parere!
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Mi piacciono molto i dolci con farine diverse, li danno un tocco in più. Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Claudia. E in più qui ci sono anche le nocciole, che rendono la torta davvero golosa.
      Un abbraccio

      Elimina
  6. La conosco bene questa torta!! E' favolosa!!
    Brava!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è davvero buonissima. E l'asprino della confettura di mirtilli rossi ci sta d'incanto

      Elimina
  7. Ciao! Capito per caso nel tuo blog e mi piace un sacco! Che dire della torta? Un classico intramontabile che non mi faccio mai mancare quando vado in montagna. Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Sono contenta che il mio blog ti piaccia. Vengo a fare un giro da te

      Elimina
  8. DOLCE MOLTO CURIOSO, HO USATO LA FARINA DI GRANO SARACENO GIA' UN PO' CON TUTTO, MA MAI CON I DOLCI!!!!IL RISULTATO DEL TUO DOLCE M'ISPIRA MOLTO, QUINDI.........BRAVA!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabry. Provala anche coi dolci: ti assicuro che il suo sapore rustico ti conquisterà!

      Elimina
  9. Mi piace molto tutto quello che ha a che fare con farine grezze e marmellate, perciò la tua ricetta mi piace moltissimo;))
    da segnare nel ricettario ^___-
    A presto;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, sono contenta di averti dato uno spunto!
      Buona giornata e un abbraccio

      Elimina
  10. Questa torta sembra fatta apposta per me che mao i dolci rustici e non stucchevoli. Anche secondo me le nocciole ci stanno benissimo e le mele grattugiate. Mi hai fatto venire voglia di provare a farla. Non ho la confettura di mirtilli rossi. appena la trovo la faccio, ma mi sa che la faccio anche prima. Piuttosto con frutti di bosco misti. Che ne dici? Non sarà quella originale ... ma tanto a casa mia non si formalizzano mica ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mirtilli, more, lamponi: secondo me tutti i frutti di bosco si sposano molto bene con la farina di grano saraceno. Se poi vuoi avvicinarti di più al gusto della versione originale, secondo me sono perfetti i ribes, con il loro sapore asprigno che contrasta con la ricchezza dell'impasto. In ogni caso, fammi sapere!

      Elimina
  11. Al top del top della mia personale classifica di golosità ci sono le torte rustiche come questa. Posso rinunciare a creme colorate e luccicanti, ma non mi è facile dire di no ad una fetta di torta come questa. La farina di grano saraceno contribuisce sicuramente a creare un gusto "di casa" e di tempi passati. L'ho provata nella torta di mele, ma mai con le nocciole, quindi...segno! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece è da un po' che ho in mente una torta di mele e grano saraceno, che è ancora lì in attesa del suo turno. Ma questa merita davvero e se ti piacciono i sapori rustici ed avvolgenti la devi provare.
      Buona giornata

      Elimina
  12. Acciderboli Giulia, un modo golosissimo e intenso per dare il benvenuto ad un mese felice come quello di Marzo. Mi piacciono i sapori, mi piaccione le tradizioni. Insomma.... assaggio? ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assaggia, assaggia!
      Come dicevo sopra, sono impaziente di far virare la mia cucina verso sapori più leggeri e primaverili, ma visto che oggi qui il cielo è grigio e nuvoloso ben venga una torta come questa!

      Elimina
  13. Ne ho sempre sentito parlare di questa torta ma non ho mai avuto il piacere di assaggiarla..la tua ha un aspetto divino e mi viene da pensare che sia una fortuna che sia ancora inverno o magari ne avresti rimandato la pubblicazione ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mettiamola così: il vantaggio del clima frescolino di questi giorni è che ci consente di gustare ancora dolci ricchi e rassicuranti come questo!
      Un abbraccio

      Elimina
  14. Che bella... nella sua semplicità sarà buonissima! Ne immagino il profumo di nocciole... ideale per quest'ora! Che fame!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, una torta semplice ma davvero deliziosa. Provala e mi saprai dire.
      Un abbraccio e buon weekend

      Elimina
  15. Mi accorgo solo ora che il mio commento non c'è... ero convinta di avertelo lasciato... comunque poco male, sono qui adesso! Bravissima per il dolce e per le foto! Buon fine settimana cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Erika. Buon weekend anche a te
      Un abbraccio

      Elimina
  16. Non ci penso proprio ad omettere la panna! ;)
    Da provare anche questa!
    Grazie Giulia!

    RispondiElimina
  17. Mi ero basata anche io su quella di Sabina, anche se la dose di burro mi spaventava un po'. Era deliziosa e anche a te vedo che è venuta benissimo! Buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando posso cerco di tagliare un po' sul quantitativo di grassi, anche perché non amo i dolci troppo burrosi, ma ho visto che anche la versione della Kompatscher ne prevede parecchio (lì siamo sui 250 g, addirittura) e non volendo snaturare il dolce mi sono fidata. Ed ho fatto benissimo perché il risultato è davvero buono!
      Grazie per la visita e buona settimana

      Elimina
  18. oggi qui sembra primavera, ieri i primi lavori nell'orto... ma la neve si vede ancora... io faccio merenda con questa torta deliziosa, sono un'amante della farina di grano saraceno!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che fortuna avere un orto da curare! E' uno dei miei sogni.
      Ti offro volentieri una fetta di torta ed una tazza di té, cara Michela.
      Un abbraccio

      Elimina
  19. Una torta così bella e invitante si può gustare tutto l'anno! Ci attira da morire , così alta, soffice e stupendamente rustica....bontà infinita!
    Buona settimana, un bacio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avete ragione: ancora per un po' le torte rustiche e soffici possono farci compagnia.
      Buona giornata

      Elimina
  20. Omettere la panna? sicuramente no!
    Una bella torta ricca e burrosa ci vuole, fa ancora freddo eheheheh!
    Ciao a presto, ora faccio un giretto nel tuo blog! :))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eli, grazie per la visita ed il commento.
      Hai ragione, bisogna approfittare degli ultimi freddi e coccolarsi con una fetta di dolce!

      Elimina
  21. Adoro la torta di grano saraceno... Io fatalitá ho seguito la ricetta del libro che citi... Amo i libri dell'Athesia ne ho tanti... Un tuffo nel cibo delle dolomiti! :)
    La tua versione è meravigliosa! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry. Mi riprometto di provare anche quella versione, perché questa torta mi ha davvero conquistata.
      Buona settimana e un abbraccio

      Elimina

Grazie per essere passati di qui. Sarò felice se vorrete lasciare una vostra impressione, un commento o una critica.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...