venerdì 27 marzo 2015

Torta salata fiorita (erbette e patate)


Tarte-fiorita-erbette-e-patate-con-brisee-di-Michel-Roux


Primavera: tempo di scampagnate, pic-nic e primi pranzi all’aperto. Sulla tavola iniziano a comparire più spesso le quiches, le tartes e le crostate salate, in cui fanno capolino le tenere primizie di stagione, che con i loro colori vivaci ed i sapori delicati ci traghettano finalmente fuori dall’inverno e dalla monotonia dei suoi ortaggi. Per me le torte salate sono essenzialmente questo, degli scrigni da riempire di verdure e di sfumature. 
Quando ho scoperto il tema della sfida MTChallenge di questo mese, che verte sulla pasta di brisée di Michel Roux proposta da Flavia e sulle sue declinazioni, il mio pensiero è andato subito alle erbe spontanee. Da qualche anno coltivo questa passione e non appena la stagione lo consente mi piace spingermi nei prati e nei boschetti poco distanti da casa in cerca delle mie preferite: borragine, ortica, aglio orsino, tarassaco, luppolo selvatico… un piccolo tesoro a portata di mano, con cui creare piatti pieni di aromi freschi e delicati. 
La mia idea originaria era quella di proporre una torta salata con questi ingredienti, ma ho presto dovuto fare i conti con il clima: due settimane quasi ininterrotte di pioggia, unite agli ultimi strascichi di freddo invernale, hanno fatto naufragare il mio progetto. Così, dopo aver atteso invano tempi più propizi, alla fine ho dovuto arrendermi e cambiare idea. Per questo arrivo nuovamente in ritardo con la mia proposta, che prevede un comunissimo ripieno a base di erbette ricoperto di sottili fettine di patate. Visto che non ho potuto portare la primavera nella mia torta con gli ingredienti, ho pensato di evocarla almeno nella forma, immaginando un prato fiorito. L’idea non è nuova ed io stessa l’avevo già proposta in veste dolce la scorsa primavera (potete vedere la ricetta qui), ma da allora mi era rimasta la voglia di provare a declinarla anche sul salato, perciò eccola qui.

Torta-salata-fiorita-con-erbette-epatate-e-brisee-di-michel-roux


Torta salata fiorita di erbette e patate (con brisée di Michel Roux)

Ingredienti per uno stampo del diametro di 20-22 cm, con il bordo leggermente svasato

Per la pasta brisée di Michel Roux*

250 g di farina 00 (debole)
150 g di burro, tagliato a pezzettini e leggermente ammorbidito
1 cucchiaino di sale
1 pizzico di zucchero
1 uovo
1 cucchiaio di latte freddo

Per il ripieno e la copertura

200 g di erbette, lessate e strizzate (circa 500 g da crude)
 2 cipollotti
120 ml di panna fresca, semi-montata
1 uovo + 1 tuorlo
40 g di parmigiano reggiano grattugiato
2 cucchiai di ricotta vaccina
1 pizzico di noce moscata grattugiata
qualche fogliolina di maggiorana
1 cucchiaio di latte
2 patate medie
1 cucchiaio di semi di nigella (cumino nero)
olio extravergine d’oliva
sale e pepe


* Per uno stampo delle dimensioni indicate saranno sufficienti circa 2/3 dell’impasto preparato. La parte avanzata può essere utilizzata per fare dei semplici biscottini salati da servire con l’aperitivo: basterà stendere l’impasto, ritagliarlo con gli appositi stampini o una rotella tagliapasta, spennellarlo con poco uovo sbattuto o latte e cospargere i biscottini con semi, spezie o erbe aromatiche a piacere. 
In alternativa, la pasta brisée può essere conservata in frigo per una settimana o in freezer fino a tre mesi, chiusa in un contenitore ermetico.


Preparare la pasta brisée. Versare la farina a fontana sul piano di lavoro, mettere al centro il burro, il sale, lo zucchero e l’uovo e lavorarli con la punta delle dita. Incorporare piano piano la farina, lavorando delicatamente l’impasto finché assume una consistenza grumosa. Aggiungere il latte e incorporarlo delicatamente con la punta delle dita finché l’impasto comincia a stare insieme. Lavorare brevemente l’impasto, formare una palla, avvolgerla nella pellicola e metterla in frigorifero fino al momento dell’utilizzo.
Infarinare leggermente il piano di lavoro (meglio se di marmo) ed il mattarello. Stendere la pasta con colpi leggeri e pressione regolare, ruotandola di 90° e girandola di tanto in tanto, per evitare che attacchi e facilitare l’aerazione. Continuare così fino a ottenere le dimensioni e la forma desiderate. Stendere l’impasto con un diametro di 5-7 cm superiore a quello della tortiera, in base all’altezza. Sollevare la pasta sul mattarello e srotolarla sullo stampo.
Rifilare la pasta in eccesso col coltello o passando il mattarello sulla tortiera. Premere una pallina di impasto sul bordo per alzarlo un poco e trasferire lo stampo in frigorifero per 20 minuti perché non si crepi durante la cottura.

Pasta-Brisee-di-Michel-Roux

Pasta-Brisee-di-Michel-Roux

Nel frattempo preparare il ripieno: affettare finemente i cipollotti e farli stufare in poco olio; aggiungere le erbette ben strizzate e lasciare insaporire qualche minuto; salare e pepare e fare intiepidire. Tritare le erbette con una mezzaluna o in un mixer ed amalgamarle con la panna, la ricotta, il parmigiano grattugiato, la noce moscata e le foglioline di maggiorana. A parte, sbattere l’uovo ed il tuorlo con un cucchiaio di latte. Estrarre lo stampo dal frigo e spennellare con delicatezza i bordi dell’impasto con la mistura di uovo e latte; quindi farvi aderire i semi di nigella, premendo leggermente sulla superficie. Unire quindi il miscuglio di uova al ripieno di erbette, regolare di sale e tenere da parte.
Prima di cuocere la tarte, bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta per far fuoriuscire l’aria. Rivestire il guscio di pasta con la carta forno e riempirlo con uno strato di pesi (dai pesi in ceramica da forno, ai fagioli o ceci secchi, o riso) che tenga schiacciato l’impasto evitando che si gonfi in maniera non uniforme.
Cuocere “in bianco” nel forno preriscaldato a 180° per 15 minuti, poi togliete i pesi e la carta e rimettere in forno per altri 10 minuti perché la pasta si asciughi e colori.
Mentre il guscio della tarte cuoce, pelare le patate, sciacquarle, dividerle a metà ed affettarle molto sottilmente. Sciacquare le fettine di patata sotto un getto di acqua corrente, in modo che perdano l’amido, quindi sbollentarle in acqua bollente leggermente salata per 1 minuto. Scolare le patate, raffreddarle in acqua fredda ed asciugarle. 
Estrarre il guscio di brisée dal forno e distribuirvi la farcia di erbette. Rifilare le fettine di patate in modo da creare delle specie di petali con cui decorare la tarte. Arrotolare strettamente una fettina su se stessa e sistemarla verticalmente sulla crostata; quindi disporvi intorno altre fette in maniera concentrica, facendole affondare leggermente nella farcia e cercando di riprodurre i petali di una rosa. Procedere così fino a riempire tutta la superficie della crostata. Mescolare 1 cucchiaio d’olio con 1 cucchiaio d’acqua ed un pizzico di sale e spennellare delicatamente le roselline. Infornare nuovamente per circa 20-25 minuti o fino a completa cottura.

Torta-salata-fiorita-con-erbette-e-patate

Torta-salata-con-erbette-e-patate-Brisee-di-Michel-Roux


Con questa ricetta partecipo all’MTCHallenge n. 46 ospitato da Flavia, la pasta brisée di Michel Roux nelle torte salate

46 commenti:

  1. ma quanto è bella!!!! così semplice ma al contempo, così bella e buona! brava davvero :-)

    RispondiElimina
  2. Giulia! Sono in ammirazione davanti allo schermo!!! Meravigliosa!!!

    RispondiElimina
  3. ma è stupenda questa quiche!!! bellissima e primaverilissima! oggi qui piove ancora ancora ancora, sono avida di primavera! mo mi piazzo qui e mi finisco qeusta quiche rosellina dopo rosellina :)))

    RispondiElimina
  4. Un giardino gioioso, cara.. una festa per gli occhi! Bravissima, un abbraccio e un fine settimana stupendo per te <3

    RispondiElimina
  5. Ma sei stata bravissima!! E' uno spettacolo per gli occhi questa quiche!! E poi davvero buona e fresca!!
    Complimenti!!!

    RispondiElimina
  6. ma che bellissima realizzazione per l'MTC...eh brava Giuliaaaa!

    RispondiElimina
  7. Bella da morire e originale come solo tu puoi proporre. Sei grande Giulia, brava!!

    RispondiElimina
  8. Io non ho il giardino ma se portassi a tavola una torta così sarebbe come averlo... :-)
    Che bellezza, Giulia! Questo verde consola dal cielo grigio che c'è anche oggi...

    RispondiElimina
  9. amo le torte saltae, fanno tanto allegria, la tua e' un sogno, che precisione, che pazienza, bravissima!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  10. sono in estasi, non mai visto una torta salata più bella. Complimenti Giulia e buon weekend

    RispondiElimina
  11. Complimenti... è bellissima e sicuramente molto gustosa.

    RispondiElimina
  12. Ottima torta salata, bellissima presentazione.

    RispondiElimina
  13. Grazie a tutte, ragazze!

    RispondiElimina
  14. Mah bellissima!!!!! Allegra e invitante, e i semi di nigella molto preziosi!!
    Brava!!!

    RispondiElimina
  15. Mah bellissima!!!!! Allegra e invitante, e i semi di nigella molto preziosi!!
    Brava!!!

    RispondiElimina
  16. Ti sono sincera, avevo visto questo decoro nei dolci, con le mele, ma trovo che sul salato con le patate come hai fatto tu sia una gran bell'idea... me la immagino anche in monoporzioni, e mi piace anche la Nigella sui bordi della Brisée.... se arrivare quasi alla fine della sfida ti ha permesso di creare una tarte così bella e buona..allora ascoltami, arriva sempre sul filo di lana!!! Buon weekend Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Flavia, sono contenta che la mia proposta, per quanto semplice, ti sia piaciuta. Anch'io ho sempre visto il decoro "a rosa" solo in versione dolce, e da quando l'ho provato mi era rimasta la voglia di sperimentare anche sul salato.
      Grazie per le tue parole e buona giornata

      Elimina
  17. La tua torta salata è uno splendore!!! Deve essere buonissima,mi fa una gran gola!!!
    Ps.mi piace molto il tuo blog.

    RispondiElimina
  18. Andiamo letteralmente matte per le torte salate, sono un meraviglioso modo per risolvere pranzi e cene e questa è davvero splendida! Magari avercelo noi, un bosco poco distante da casa dove cogliere le erbette... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avendo l'orto, per il momento mi accontento della raccolta di erbe spontanee...

      Elimina
  19. FAVOLOSA!!! Complimenti Giulia, è tanto bella quanto golosa, bravaaaaa!!!
    Buona serata

    RispondiElimina
  20. Ma è davvero stupenda !!! Mai vista una torta salata così bella!chissà se almeno quest'anno a Pasquetta sarà bel tempo...In caso positivo questa torta è segnata per il pic nic!!:)
    Complimenti !! Buon fine settimana, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avete ragione, le torte salate sono un'ottima idea per le scampagnate all'aperto. Incrociamo le dita per il bel tempo...

      Elimina
  21. Ma dai che idea carina la versione salata! davvero adatta a questo periodo di scampagnate^^
    a presto :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Delle torte salate mi piace proprio la versatilità ed il fatto che sono perfette per i pranzi all'aperto

      Elimina
  22. Questa è una vera opera d'arte..complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Consuelo, troppo buona!

      Elimina
  23. Ciao Giulia!! Mi sono permessa di citarti nel mio ultimo post!!
    Spero ti faccia piacere!! Buon we!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia. Ho letto e commentato di là. E' sempre bello quando ispirazioni e ricette prendono il volo, cambiano volto e personalità e si reinventano di mano in mano!

      Elimina
  24. Anche io penso alle torte salate principalmente con un ripieno a base di verdure. Hai saputo rendere speciale qualcosa di molto semplice, con un tocco originale e personale. Bravissima!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, sono contenta che la mia idea ti piaccia

      Elimina
  25. Bella,bella, bella! Che altro posso dire. Che è buona me lo posso solo immaginare purtroppo! Ma ne sono certa. L'idea delle roselline di patate è un tocco chic. ti dico Sinceramente che faccio il tifo per te. Davvero, altrimenti non te lo direi.
    Buona settimana e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manuela, non scherzare! Ho visto tali e tante meraviglie in questo mese di MTC (tra cui le tue quiches), che l'idea di ambire alla vittoria mi è assolutamente estranea - anzi, te lo confesso, è una cosa a cui non penso mai quando partecipo. In ogni caso grazie mille per l'augurio!
      Buona giornata

      Elimina
  26. che meraviglia giulia! sei decisamente una maga!!!!!

    RispondiElimina
  27. E allora diciamo tutta, ma questa torta è troppo stupenda!!!! SUPER SUPER COMPLIMENTI

    RispondiElimina
  28. che meraviglia! questa la rubo per il menù di Pasqua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sono contenta che ti piaccia!

      Elimina
  29. Ciao Giulia,
    che magnificenza questa tua ricetta!! Magari un po' difficile per me ma provero'.. :)
    Ti ho aggiunta cosi' non ti perdo di vista e spero vorrai anche tu mettere il mio blog tra quelli che segui, grazie!!
    Questo e' il mio link That’s amore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Grace, grazie per la visita. Arrivo da te...

      Elimina
  30. che deliziosa presentazione, quelle roselline di patate conquistano al primo sguardo, bravissima !Buona Pasqua, un abbraccio Giulia !

    RispondiElimina
  31. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Grazie per essere passati di qui. Sarò felice se vorrete lasciare una vostra impressione, un commento o una critica.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...