mercoledì 26 agosto 2015

Involtini di brick con feta e menta


Involtini-di-pasta-brick-con-feta-e-menta

Gli involtini che vi propongo oggi sono ormai diventati un classico a casa nostra, da quando anni fa mi sono imbattuta per la prima volta nella pasta brick
Spesso confusa con la pasta phillo, la brick (o malsouka) è una sfoglia sottile e leggera molto diffusa nei paesi nell'area mediorientale ed in particolare in Tunisia e tutto il nord Africa, dove viene largamente impiegata sia per ricette salate che dolci. L'impasto a base di semola ed acqua viene spennellato su una padella calda fino ad ottenere una sorta di crespella sottile, che una volta pronta viene quindi farcita e poi fritta o cotta in forno fino a diventare friabile e croccante. I ripieni possono variare dall'uovo con aggiunta di prezzemolo, cipolla e tonno, alla carne - in particolare quella di agnello o di pollo - alle verdure, fino ad arrivare alla frutta secca con cui si confezionano involtini dolci.  
Questa è la versione più gettonata in famiglia: fresca e sfiziosa grazie all'incontro di feta e menta, rapidissima da preparare e dal successo assicurato. Durante la bella stagione capita spesso che questi triangolini diventino protagonisti di aperitivi o cene a buffet, grazie alla loro versatilità e bontà. Provateli e sono certa che conquisteranno anche voi.

Involtini-di-pasta-brick-con-feta-e-menta


Involtini di pasta brick con feta e menta

Ingredienti per una ventina di involtini:
10 fogli di pasta brick
200 g di feta greca
3 cucchiai di robiola o formaggio cremoso
1 mazzetto di menta fresca
1-2 cucchiai di latte, se necessario
semi di sesamo, a piacere
burro o olio extravergine q.b.

Preparare il ripieno degli involtini: spezzettare la feta in una ciotola e ridurla in briciole con l'aiuto di una forchetta; aggiungere la robiola e mescolare il tutto. Lavare ed asciugare le foglie di menta, tritarle finemente ed aggiungerle al composto. Se necessario ammorbidire con un paio di cucchiai di latte. Estrarre i fogli di brick dalla confezione, un paio alla volta in modo che l'aria non li secchi. Dividere ciascun foglio in due parti e ripiegare quindi ciascuna metà nel senso della lunghezza, fino ad ottenere una striscia. Spennellare delicatamente con un po' di burro fuso o di olio, quindi appoggiare una noce di ripieno sull'estremità inferiore della striscia e formare l'involtino, ripiegando la pasta a triangolo in modo da ricoprire la farcia e quindi ripiegandola alternativamente da destra a sinistra, fino ad ottenere un involtino triangolare (in sostanza, utilizzando lo stesso metodo con cui si ripiegano le buste della spesa, almeno a casa mia!). Trasferire su una placca rivestita di carta forno e procedere allo stesso modo fino a terminare la farcia. A piacere completare gli involtini con una spolverata di semi di sesamo, quindi infornare in forno caldo a 180° per circa 15 minuti, o fino a quando le estremità saranno dorate. Servire caldi o tiepidi (raffreddandosi, la pasta tende a perdere croccantezza).

Involtini-di-pasta-brick-con-feta-e-menta

Involtini-di-pasta-brick-con-feta-e-menta


24 commenti:

  1. deliziosi! Dove trovi la pasta brick?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eli. Io la compro in un negozio marocchino al mercato di Porta Palazzo a Torino (una vera miniera di tesori per chi ama le specialità etniche). Credo che nei negozi etnici si trovi facilmente - per quel che mi riguarda, di certo più facilmente della pasta phillo, sulla quale invece non sono mai riuscita a mettere le mani.
      Fammi sapere se la trovi!

      Elimina
  2. sono degli irresistibili antipasti da mettere in bocca uno dopo l'altro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fermarsi dopo il primo è pressoché impossibile...

      Elimina
  3. MAI PROVATA LA PASTA BRIK, NON NE HO MAI SENTITO PARLARE, CREDO SIA MOLTO PIU' LEGGERA DELLA SFOGLIA, UNA BELLA CURIOSITA' DA PROVARE, NON SI FINISCE MAI D'IMPARARE, GRAZIE CARA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è molto più leggera della classica sfoglia perché non contiene grassi, ma proprio per questo va spennellata di olio o burro per renderla croccante. Se ti capita di trovarla, provala: è molto versatile!

      Elimina
  4. Io non la trovo, è ora cosa uso????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lara, il risultato non sarà propriamente lo stesso, ma puoi provare con la pasta phillo. Fammi sapere...

      Elimina
  5. Che divina visione..mi hai fatto venire una fame che non hai idea...

    RispondiElimina
  6. Per quanto la cerchi, la pasta brick non riesco mai a trovarla.. a dire il vero anche la phyllo sembra sia una rarità alle mie latitudini. Mi devo mettere a cercare meglio, che questi triangolini sfiziosissimi voglio provare a prepararli :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola. Io invece, come ho detto sopra, riesco a procurarmela con relativa facilità, contrariamente alla phillo, che per me rimane un autentico miraggio. Hai cercato nei negozietti di specialità etniche? A volte si trova anche nei supermercati più forniti. Spero che la troverai e poi mi saprai dire cosa ne pensi di questi involtini!
      Un abbraccio

      Elimina
  7. ciao! prova ad amalgamare la feta con lo yogurt greco invece che con la robiola :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo suggerimento, proverò di certo!

      Elimina
  8. Bellissimi! Fanno decisamente un figurone per un'aperitivo.. E poi la menta con quel suo sapore che stempera quello della festa, una delizia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Barbara. Se li provi fammi sapere se ti sono piaciuti.
      Un abbraccio

      Elimina
  9. Carinissimi, Giulia. Ho una vera passione per gli stuzzichini e, durante le cene con gli amici, cerco sempre di proporne di nuovi. Ovviamente, questi involtini faranno presto la loro comparsa sulla mia tavola :)
    Un caro saluto,
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di averti offerto l'occasione per provare un nuovo stuzzichino: anch'io adoro questo genere di preparazioni e sono sicura che con questi involtini conquisterai i tuoi ospiti.
      Un abbraccio e buona serata

      Elimina
  10. Non avevo mai ben capito la differenza tra phillo e brick fino ad ora... Questo tipo di fagottini è un vita che mi riprometto di farli, li ho visti da qualche parte ripieni di gamberi, prima o poi ci provo. I tuoi sono perfetti, sembrano appena usciti da un forno del nord africa. Intanto ultimamente ho fatto anch'io qualcosa con la feta che posterò a breve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari. Non mi lascerò sicuramente sfuggire la tua prossima ricetta a base di feta: la adoro!

      Elimina
  11. trovo la phillo ma la brick ho paura sarà difficile, io ci provo, la tua ricetta mi ha intrigato molto! Un bacione e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come, sono l'unica che non riesce a trovare la pasta phillo? Beh, puoi provare con quella, se non riesci a trovare la brick, anche se il risultato sarà differente. Fammi sapere!

      Elimina
  12. ciao ! sai che non ho mai provato questa pasta ?! dovrò provvedere ! Mi piacciono questi involtini così perfetti, appena dorati... devono essere gustosissimi !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rossella. Prova e vedrai che non li abbandonerai più

      Elimina

Grazie per essere passati di qui. Sarò felice se vorrete lasciare una vostra impressione, un commento o una critica.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...