mercoledì 24 febbraio 2016

Brioche bulgara al miele e fiori d’arancio


brioche-bulgara-al-miele-e-fiori-di-arancio

Credevo che questa volta avrei saltato, per via del poco tempo a disposizione e di altri pensieri che tengono la mia mente occupata, ed è per questa ragione che arrivo proprio in corner a partecipare all’appuntamento mensile con l’MTChallenge
Il tema della sfida lanciato da Eleonora e Michael è più che mai stimolante e ricco di sfaccettature: il miele nelle sue declinazioni dolci e salate.
A casa nostra il miele è una presenza costante, soprattutto come alternativa per dolcificare le bevande e come ingrediente di supporto nei lievitati, ma devo ammettere che raramente lo utilizzo come elemento caratterizzante di un piatto. In linea di massima preferisco le varietà scure, molto aromatiche e tendenzialmente amarognole, come castagno od erica, ma capita spesso che la curiosità mi spinga a provare altre tipologie. Nella ricetta che propongo, ad esempio, ho utilizzato il miele di coriandolo, nel quale non mi ero mai imbattuta prima e di cui ignoravo addirittura l’esistenza. Produzione recente e circoscritta, in quanto il coriandrum sativum ha cominciato ad essere coltivato in territorio italiano da pochissimi anni, questo miele presenta colore chiaro e dorato, profumo delicato e sapore dolce, con un leggero retrogusto speziato, vagamente balsamico e floreale.
Per le ragioni sopra citate, il mio contributo è quantomai modesto. Da tempo desideravo provare la brioche bulgara, una scenografica corona di boccioli adocchiata la prima volta sul blog di Cinzia, ed ho pensato di sfruttare l’occasione per proporne una versione aromatizzata al miele ed acqua di fiori d’arancio. 
Le ricette che si trovano sul web sono tutte molto simili; io ho deciso di modificare ingredienti, procedimento e proporzioni in base al risultato che volevo ottenere, ovvero una brioche soffice, non troppo dolce né burrosa e con una discreta conservabilità.

brioche-bulgara-al-miele-e-fiori-di-arancio

Brioche bulgara al miele di coriandolo e fiori d’arancio

Ingredienti per uno stampo a cerniera da 22-24 cm:

Per il lievitino:
80 g di farina 0
80 g di acqua tiepida
7 g di lievito di birra

Per l’impasto:
350 g di farina 0
1 uovo intero + 1 tuorlo
90 ml di latte fresco intero
50 g di miele di coriandolo (in alternativa arancio, acacia o millefiori)
30 g di burro salato
2 cucchiai di acqua di fiori d’arancio
4 g di sale

Per la farcitura:
50 g di burro morbido
30 g di miele di coriandolo

Per completare:
1 albume leggermente sbattuto
semi di sesamo biondo

Preparare il lievitino mescolando il lievito con l’acqua e la farina fino ad ottenere una pastella consistente e priva di grumi. Lasciar riposare per circa 40 minuti: il composto dovrà risultare gonfio e coperto di piccole bolle. Nel frattempo, riscaldare il latte e sciogliervi il miele; lasciare intiepidire (la temperatura non dovrà superare i 30°). 
Trascorso il tempo di riposo, rovesciare il lievitino nella ciotola della planetaria insieme a due cucchiai di farina, ed avviare la macchina con il gancio a foglia, a bassa velocità. Aggiungere il tuorlo, far amalgamare e ad assorbimento aggiungere altri due cucchiai di farina. Unire l'uovo  e l’acqua di fiori d’arancio. Infine alternare il latte tiepido e la farina. Aggiungere il sale e fare incordare l’impasto, aumentando gradatamente la velocità. Montare il gancio ad uncino ed aggiungere il burro morbido a pezzetti, senza unire il successivo fino a quando il precedente non sia stato completamente assorbito. Lavorare a media velocità per qualche minuto, fino a quando l’impasto risulterà liscio e lucido. 
Trasferire l’impasto in una ciotola leggermente unta, coprire con un foglio di pellicola e porre a lievitare in luogo tiepido ed al riparo dalle correnti d’aria sino al raddoppio (2-3 ore). Intanto lavorare a crema il burro morbido con il miele e tenere da parte.
Riprendere l’impasto, sgonfiarlo e rovesciarlo su una spianatoia leggermente infarinata. Dividerlo in quattro parti, quindi ricavare da ciascuna di esse quattro palline: in totale si dovranno ottenere sedici porzioni di pasta.
Stendere quattro palline fino ad ottenere dei dischi sottili del diametro di circa 20 cm, quindi spennellarli con il composto di miele e burro preparato e sovrapporli tra loro. Avvolgere a rotolo e dividere il salsicciotto ottenuto in 5 parti, come mostrato nell’immagine. Procedere allo stesso modo con le restanti palline d’impasto.

brioche-bulgara-al-miele-e-fiori-di-arancio

Disporre le roselline in uno stampo imburrato o rivestito di carta forno e lasciar lievitare coperto per circa 40 minuti o fino a quando l’impasto avrà raggiunto i bordi della teglia. Spennellare delicatamente la superficie con l’albume leggermente sbattuto e cospargerla di semi di sesamo. Cuocere in forno caldo a 180° per circa 30 minuti (se la superficie tendesse a scurire troppo, coprire con un foglio di alluminio). A cottura ultimata spennellare a piacere con altro miele, leggermente riscaldato.

brioche-bulgara-al-miele-e-fiori-di-arancio


Con questa ricetta partecipo all’MTChallenge n. 54, il miele, di Eleonora e Michael


38 commenti:

  1. Ma che meraviglia.....complimenti, ti è venuta uno spettacolo!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Simo!
      Buona giornata a te

      Elimina
  2. Grazie dell'idea! È uno spettacolo! Sarà l'esperimento del week end! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! Attendo un tuo parere, allora!

      Elimina
  3. Bellissima e davvero invitante! Ma l'acqua di fiori d'arancio dove la trovo? Si può sostituire? Mi è venuta una gran voglia di fare questa meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina. L'acqua di fiori d'arancio la trovi anche nei supermercati, nel reparto dedicato al lievito e alla decorazione dei dolci. Se puoi ti consiglio però di cercarne una il più possibile artigianale: la differenza è notevole. Se vuoi in questa brioche puoi sostituirla con poca scorza d'arancia grattugiata, con i semini di mezza bacca di vaniglia o con l'aroma che preferisci, purché non troppo intenso per non sovrastare il profumo del miele.
      Buona giornata!

      Elimina
  4. Ma che meraviglia ! Il profumo caldo di miele e burro nella brioche ha la capacità di inebriare la mente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso la lavorazione sfogliata enfatizza il profumo del burro e del miele, sebbene l'impasto non sia molto ricco.
      Grazie per la visita!

      Elimina
  5. Bella, profumata e sfogliatissima: devo farla assolutamente!

    RispondiElimina
  6. Mamma mia... me ne sono già innamorata!!!

    RispondiElimina
  7. Quanto è invitante questa corona di soffice brioche, meravigliosa davvero! Chissà che morbidezza e che profumo irresistibile!
    Bravissima :)

    RispondiElimina
  8. Giulia ti sei proprio superata con questa ricetta! Stupenda è dir poco e la lievitazione come la consistenza è perfetta O_O complimenti!

    RispondiElimina
  9. che bella la tua brioche!!! e pochi giorni fa, l'ho pubblicata anche io, presa proprio da Cinzia, e modificata per usare lievito madre.
    la tua è alta e super soffice!!! bravissima Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto la tua ricetta su Panissimo: meravigliosa! E chissà che fragranza con il lievito madre.
      Un abbraccio Eleonora

      Elimina
  10. Ma che modesta!! Questa brioche è incredibile!!
    Bravissima!!

    RispondiElimina
  11. la trovo fantastica, soffice e tutta da gustare, sei stata super Giulia!Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara. Un bacio anche a te

      Elimina
  12. Ma che meraviglia Giulia. Questa brioche è una nuvola.
    E miele di coriandolo con acqua di fiori d'arancio, stanno divinamente come il coriandolo stesso con l'arancia. È qualcosa di speciale, davvero.
    Non conoscevo la tecnica di formazione di questa brioche e sinceramente fa una gran bella figura.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sono contenta che ti piaccia!

      Elimina
  13. Perfetta per la colazione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e anche per la merenda, come spuntino... insomma, è già finita!

      Elimina
  14. E'splendida Giulia, e chissà che buona, complimenti!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  15. Bellissima e sembra sofficissima. Questa categoria di preparazioni è il mio punto debole... mangerei lievitati e brioches ad ogni ora! Brava!

    RispondiElimina
  16. Arrivo a gustarmi questa brioche con un po' di ritardo, e rimango estasiata da tanta sofficità!
    Appena mi "disintossico" dalla full immersion di lievitati di questo mese, sarò ben felice di provarla e sperare di ottenere questo tuo stesso magnifico risultato!

    Giulia bella, grazie mille per aver condiviso la ricetta e i tuoi bellissimi scatti!
    Ti auguro una buona serata in corso ed un week end pieno di sorrisi!
    Un abbraccio grande! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, cara Maria Teresa. Ricambio l'abbraccio e ti auguro una buona settimana

      Elimina
  17. Bellissima la tua brioche ! e quel miele di coriandolo che curiosità che mi desta ... complimenti, bravissima !

    RispondiElimina
  18. Bella questa brioche, molto bella. Sarai anche arrivata in corner ma hai fatto un capolavoro. Brava la nostra Giulietta. ♥

    RispondiElimina

Grazie per essere passati di qui. Sarò felice se vorrete lasciare una vostra impressione, un commento o una critica.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...