lunedì 15 settembre 2014

Un insolito gelato per l'MTChallenge n. 41



Ho aspettato con ansia di conoscere il tema della sfida dell'MTC di settembre. Dopo la vittoria di Annalena, infatti, ero sicura che ci sarebbe stato da divertirsi, ma soprattutto non avevo dubbi che una maestra d'eccezione come lei ci avrebbe regalato l'opportunità di imparare molte cose nuove.
Anzi, confesso di aver provato anche una certa apprensione, temendo di trovarmi faccia a faccia con  tecniche complicatissime o ingredienti introvabili, vista la sua incredibile competenza e la vastità delle sue conoscenze gastronomiche.
Il suo articolo ha superato ogni mia aspettativa: lungo, dettagliato, puntuale, ma anche estremamente chiaro ed efficace nelle spiegazioni. L'ho riletto più volte ed ho provato una sensazione ambigua. Da un lato, ogni volta che ci tornavo sopra, nella mia mente si creava il vuoto più assoluto: un tema così vasto e trasversale come il riso apriva talmente tante possibilità d'interpretazione da confondermi. Ma dall'altro mi sentivo rassicurata dai paletti posti da Annalena: tre tecniche di cottura, ognuna adatta a differenti tipologie di riso, e poi carta bianca sulle declinazioni del piatto.
Non so perché, ma mi sono quasi subito fissata sulla cottura al latte, sebbene tra le tre proposte sia quella che pratico di meno, e, cosa per me insolita, ho subito pensato ad un dolce, anche se ho dichiarato più volte la mia preferenza per il salato. Ma il bello dell'MTC è proprio che ti spinge anche là dove non credevi che ti saresti avventurato.
E così, ecco la mia proposta. Purtroppo sarà l'unica, e già sono contenta di essere riuscita a non saltare questa sfida.
Oggi infatti parto per le mie vacanze, che cominciano quando ormai sono tornati proprio tutti. Starò via fino alla fine del mese, felicemente disconnessa da tutto, e quindi ho dovuto affrettarmi a pubblicare.
Ne approfitto per salutare e ringraziare chi passerà di qui e per scusarmi se non risponderò prontamente ai vostri commenti. 
A presto!



Gelato di riso al latte al cardamomo con pesche caramellate e riduzione di Moscato

Ingredienti:

100 g di riso Originario
750 ml di latte fresco intero (io utilizzo il latte crudo)
80 ml di panna fresca
100 g di zucchero semolato
2 capsule di cardamomo verde
1 cucchiaino raso di zenzero in polvere

3 pesche noce
3 cucchiai colmi di zucchero di canna
300 ml di Moscato d'Asti
25 g di zucchero semolato
mandorle a lamelle e pistacchi per completare


Riempire d'acqua una pentola capiente, portarla ad ebollizione e scottarvi il riso per un minuto. Scolarlo, sciacquarlo sotto un getto di acqua fredda e rimetterlo in pentola, coprendolo con 500 ml di latte bollente; aggiungere un pizzico di sale, coprire e cuocere a fuoco medio per circa 30-35 minuti, mescolando spesso.

Ecco il risultato:



Mentre il riso termina di cuocere riunire il restante latte (250 ml), le panna e lo zucchero semolato in un'altra pentola e scaldare il tutto dolcemente fino a completo scioglimento dello zucchero.
Prelevare i semi dalle capsule di cardamomo e pestarli finemente in un piccolo mortaio. Quando il riso è pronto, spegnere il fuoco ed aggiungere il cardamomo e lo zenzero in polvere, mescolando per amalgamarli. Prelevare metà del riso ed unirvi il miscuglio di latte, panna e zucchero; frullare fino ad ottenere una crema densa e poi riunire i due composti. Raffreddare velocemente la crema di riso al latte immergendo la pentola o la ciotola che la contiene in un contenitore riempito di acqua e ghiaccio, quindi trasferirla in frigo fino a quando è ben fredda (minimo 3 ore).
Se si dispone di una gelatiera trasferirvi la crema di riso ed avviare l'apparecchio secondo le istruzioni, fino a quando si sarà addensata ed il gelato avrà preso consistenza. In alternativa trasferire il composto raffreddato in un contenitore stretto e lungo munito di coperchio e riporla in freezer per un'ora. Estrarre quindi il contenitore e mescolare velocemente il contenuto con un cucchiaio per uniformare la consistenza del gelato, che sarà ghiacciato ai bordi ma ancora molto morbido al centro. Riporre il gelato in freezer e ripetere quest'operazione ad intervalli di un'ora circa fino a quando il gelato sarà pronto da consumare.

Preparare la riduzione. Versare il Moscato in un pentolino, aggiungervi lo zucchero semolato e trasferire sul fuoco. Lasciar ridurre a fiamma media fino ad ottenere la consistenza di uno sciroppo, tenendo conto che dopo raffreddamento il liquido diverrà più denso.

Poco prima di servire il gelato lavare le pesche senza privarle della buccia e tagliarle a fette piuttosto spesse; trasferirle in una larga padella, cospargerle con lo zucchero di canna e cuocerle per qualche minuto a fuoco medio fino a farle leggermente caramellare, smuovendo la padella di tanto in tanto. Lasciare intiepidire.
Sgusciare i pistacchi e tritarli grossolanamente. Tostare le mandorle a lamelle in un padellino senza aggiunta di grassi.

Servire il gelato di riso al latte completandolo con alcune fette di pesca caramellata ancora tiepide, qualche goccia di riduzione di Moscato e la frutta secca.



Con questa ricetta partecipo all'MTC n. 41, il riso di Acquaviva



35 commenti:

  1. grande l'idea del gelato con la curiosa l'aggiunta delle spezie al riso già cotto e molto sfizioso tutto l'insieme dell'accompagnamento. Mi piace la tua ricetta, sappilo. E buona vacanza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Annalena, sono felicissima di sapere che la mia proposta ti piace

      Elimina
  2. wow!!!! grandissima idea! bella, bella davvero e buonissima!

    RispondiElimina
  3. dev'essere una vera delizia! brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona. A noi l'insieme di sapori e' piaciuto molto

      Elimina
  4. Buona vacanza e complimenti x questo delizioso gelato, l'ho fatto anch'io una volta con la stessa tecnica e ancora non me lo sono dimenticato da tanto che era buono :-P
    A presto <3

    RispondiElimina
  5. Bellissima idea e ricetta. Ti confesso che all'inizio leggendo e rileggendo il post di Annalena ho provato le tue stesse sensazioni, ma è tutto così chirao che ho già sviluppato le idee nella mia testa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non sono stata la sola! Pero' il suo post era talmente chiaro e ben fatto che dopo un primo momento di sconforto ho iniziato a far volare la fantasia!

      Elimina
  6. stupenda ricetta, idea e foto!! complimentissimi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina, sei gentilissima!

      Elimina
  7. Mentre io sogno questo gelato tu sarai già in vacanza, mi lecco i baffi ancora un altro po' e ti saluto ;) A prestissimo :))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono in vacanza ma in questo momento sta diluviando e sono bloccata in camera, percio passo volentieri a ricambiare i tuoi saluti. A presto!

      Elimina
  8. me-ra-vi-glio-so.
    Strutturato, complesso, "pensato" - e realizzato con una maestria strabiliante. Il gelato è sempre una sfida nella sfida, con un ventaglio di rischi insidiosissimi, sia sul piano tecnico che su quello finale, del sapore:la linea di demarcazione fra il mappazzone e la perfezione è sottile, insomma. Ma tu hai saputo star sempre dalla parte giusta, dando prova di una bravura a 360° e di un gusto assolutamente raffinato: e io sono davvero felice, di averti qui all'mtc, ma non sai quanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei sempre cosí gentile che io non so piú cosa dire! Ho avuto non pochi tentennamenti prima di decidermi a trasformare il riso al latte in un gelato, ma ormai l'idea si era radicata nella mia mente ed è stato impossibile desistere. E devo dire che il risultato ha stupito anche me!

      Elimina
  9. Ciao, questo è l'ultimo gelato della stagione che vorrei gustare! Che idea originale, mi piace tanto. Bravissima!!

    RispondiElimina
  10. Se bravissima... complimenti davvero!

    RispondiElimina
  11. Un gelato che merita una parola sola: chapeau! Io adoro il riso al latte, e credo che un gelato così potrebbe essere la mia fine!
    Bravissima, un piatto davvero eccezionale!

    E buone vacanze!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea era proprio quella di giocare sulla consistenza e la temperatura di un cibo di conforto per eccellenza per trasformarlo in qualcosa di diverso. Sono contenta che ti piaccia!

      Elimina
  12. che bella ricetta, confesso che ancora devo elaboare a pieno la mia ricetta e che anche io ho provato un pochino si smarrimento dopo la lettura del post di Annalena e stò ancora cercando di riordinare le idee, ma tu te la sei cavata alla grandissima, complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A giudicare dalle due ricette che hai proposto direi che poi l'ispirazione è arrivata, eccome se è arrivata!

      Elimina
  13. Particolarissimo e intrigante, questo gelato deve essere una meraviglia! Quanto amo e amavo il riso latte, sono sicura che rimarrei conquistata da questo dessert :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che questo voleva essere un suggerimento per gustarlo in modo un po' diverso dal solito. Sono contenta che l'idea vi piaccia!

      Elimina
  14. Gelato meraviglioso! Mi piace veramente tanto poi l'abbinamento con le pesche....segnato anche questo! Mi piace proprio! Bravissima!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede, sei gentilissima! Se lo provi fammi sapere cosa ne pensi

      Elimina
  15. Giulia che bella idea!
    Buone vacanze, a presto! :*

    RispondiElimina
  16. Pazzo! Ho appena messo in infusione la vaniglia col latte per fare il gelato...mi faccio un giro per vedere le ricette degli sfidanti e ci sei tu!!!!! A questo punto devo trovare un'alternativa. Sono felice che tu l'abbia proposto...un ricordo d'infanzia! In bocca al lupo cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristiana. Mi spiace di averti "rubato" l'idea, ma vedo che hai saputo trovare un'ottima alternativa, davvero golosa!

      Elimina
  17. E di questo gelato me ne farei volentieri un mezzo chilo! Complimenti, davvero interessante.
    Ciao e buone vacanze ;-) Lidia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lidia. Effettivamente è stato una bella scoperta anche per me!

      Elimina

Grazie per essere passati di qui. Sarò felice se vorrete lasciare una vostra impressione, un commento o una critica.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...